click to enable zoom
loading...
We didn't find any results
open map
View Roadmap Satellite Hybrid Terrain My Location Fullscreen Prev Next
Your search results

IMU

Posted by Francesca Dalbon on 8 Marzo 2023
0

L’IMU  un mistero e un obbligo 

Con poche righe speriamo di rendere semplice comprendere tutte le casistiche dell’ Imposta Municipale Unica (IMU). 

Le imposte sugli immobili hanno sempre spaventato i proprietari che, con sacrificio, hanno mantenuto le abitazioni sopportando spese obbligate e necessarie. 

Per camuffare e rendere il tutto più offuscato, hanno cambiato l’acronimo da  I.C.I. (Imposta Comunale sugli immobili) a I.M.U. E’ sempre la stessa imposta ma con un altro nome. 

L’imposta è dovuta in quanto lo Stato Italiano ne ha sancito l’obbligo. 

CHI NON DEVE PAGARE L’IMU

  • I proprietari di un’abitazione principale; l’abitazione principale è quella in cui il proprietario ha deciso di avere la residenza (in Italia è consentito averne una). Ci sono delle deroghe per le abitazioni di lusso, ossia quelle che nella visura catastale sono evidenziate nelle categorie A/1, A/8 e A/9.  Per quanto riguarda i garage e magazzini (categoria C/2, C/6 e C/7) è consentito abbinarne solo uno ad abitazione; ad esempio, nel caso di un’abitazione principale con due garage, l’IMU sarà dovuto solo per uno dei due.
  • I proprietari di una casa coniugale assegnata al coniuge.
  • Gli inquilini o  gli affittuari.
  • I nudi proprietari; il nudo proprietario è colui che ha la proprietà di un immobile in cui insiste un contratto di usufrutto, non può quindi usufruirne.
  • Le Proprietà appartenenti alle cooperative edilizie.
  • I fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali.

CHI DEVE PAGARE L’IMU 

  • I proprietari di fabbricati, di terreni/aree edificabili e di abitazioni di lusso A/1, A/8 e A/9.
  • I titolari del diritto di usufrutto su fabbricati o di terreni/aree fabbricabili ; Il diritto di usufrutto é un contratto redatto da un notaio, e inopponibile ai terzi, dove il proprietario concede l’uso di un bene immobiliare per una durata massima di anni 20 a titolo gratuito o oneroso. Viene infatti spogliato da ogni diritto da quel bene e definito di conseguenza “nudo proprietario”.                                                               
  • I titolari del diritto di abitazione adibita ad abitazione principale art.1022 del c.c. 
  • I titolari del diritto d’uso art. 1021 del c.c.
  • I titolari del diritto di enfiteusi da art. 957 a art. 977 del c.c. 
  • I titolari del diritto di superficie art. 952 c.c. 
  • I titolari del diritto di godimento della casa coniugale assegnata dal giudice della separazione o divorzio.

COME SI CALCOLA L’IMU (metodi di pagamento ed eventuali casistiche).

Calcolo: per calcolare l’I.M.U. è necessario disporre della rendita catastale dell’immobile, rilevabile dalla visura catastale o dall’atto di provenienza del bene. Questo valore viene addizionato di un 5% e moltiplicato ulteriormente per il coefficiente catastale fornito dal Comune dove è ubicata la proprietà.

link per il calcolo e compilazione del F24 per il pagamento:     CLICCA QUI

Scadenze: l’imposta può essere versata in un’unica rata il 16 giugno, oppure vi è la possibilità di suddividerla in due rate (50% entro il 16 giugno e 50% entro il 16 dicembre).  

link per il calcolo e compilazione del F24 per il pagamento:     CLICCA QUI

Acquisto di immobile da adibire ad abitazione principale: l’IMU è dovuto anche i mesi in cui il proprietario non ha effettuato il cambio di residenza; si terrà conto solo dei mesi che superano i 15 giorni. Esempio: rogito notarile del 22/01/2022, l’acquirente ristruttura l’immobile e porta la residenza il 01/07/2022.  Entro il 16/12/2022 dovrà versare a saldo l’imposta per i 5 mesi in cui non ha usufruito del bene come abitazione principale.                                                

Vendita di una seconda abitazione: finché il venditore non provvederà al compromesso notarile dovrà versare l’IMU per tutti i mesi (superiori ai 15 giorni) in cui resterà proprietario dell’immobile. Esempio: rogito notarile del 14/03/2022, il venditore dovrà versare l’imposta corrispondente solo dei primi due mesi.                                                                                                                                                     

link per il calcolo e compilazione del F24 per il pagamento:     CLICCA QUI

 

Compare Listings