I tuoi risultati di ricerca

BONUS CASA

Pubblicato da Francesca Dalbon sopra 3 Dicembre 2021
0

Bonus casa 2022, proroghe e novità

Troppe parole vengono dette e lette sui “bonus casa” per le ristrutturazioni di immobili. Con l’avvicinarsi dell’anno nuovo c’è ancora molta confusione sulle novità della Legge di Bilancio 2022.

Le domande sono molteplici: Cosa si detrae? A chi sono rivolte le detrazioni? Qual’è il tetto massimo ISEE? e molto altro ancora.

Vediamo i principali Bonus:

BONUS RISTRUTTURAZIONE

Confermate fino al 31 dicembre 2024 le regole per accedere a una detrazione fiscale del 50 per cento e fino a 96.000 euro di spesa, in caso di lavori di manutenzione straordinaria e ordinaria in edifici singoli o condomini.

Di seguito tutti i lavori di manutenzione straordinaria indicati nell’art. 3 del Dpr 380/2001.

Art. 3 Dpr 380/2001

A. “interventi di manutenzione ordinaria”, gli interventi edilizi che riguardano le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici e quelle necessarie ad integrare o mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti;

B. “interventi di manutenzione straordinaria”, le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici, nonché per realizzare ed integrare i servizi igienico-sanitari e tecnologici, sempre che non alterino i volumi e le superfici delle singole unità immobiliari e non comportino modifiche delle destinazioni di uso;

C. “interventi di restauro e di risanamento conservativo”, gli interventi edilizi rivolti a conservare l’organismo edilizio e ad assicurarne la funzionalità mediante un insieme sistematico di opere che, nel rispetto degli elementi tipologici, formali e strutturali dell’organismo stesso, ne consentano destinazioni d’uso con essi compatibili. Tali interventi comprendono il consolidamento, il ripristino e il rinnovo degli elementi costitutivi dell’edificio, l’inserimento degli elementi accessori e degli impianti richiesti dalle esigenze dell’uso, l’eliminazione degli elementi estranei all’organismo edilizio;

D. “interventi di ristrutturazione edilizia”, gli interventi rivolti a trasformare gli organismi edilizi mediante un insieme sistematico di opere che possono portare ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente. Tali interventi comprendono il ripristino o la sostituzione di alcuni elementi costitutivi dell’edificio, l’eliminazione, la modifica e l’inserimento di nuovi elementi ed impianti. Nell’ambito degli interventi di ristrutturazione edilizia sono ricompresi anche quelli consistenti nella demolizione e successiva fedele ricostruzione di un fabbricato identico, quanto a sagoma, volumi, area di sedime e caratteristiche dei materiali, a quello preesistente fatte salve, le sole innovazioni necessarie per l’adeguamento alla normativa antisismica.

E’ stata approvata anche la proroga “BONUS MOBILI” per l’acquisto di arredi ed elettrodomestici, con un limite di spesa sino a 5.000 €uro, spettante a chi effettuerà lavori di ristrutturazione. Viene riconosciuto nel 2022 e fino al 31 dicembre 2024, la detrazione fiscale del 50 per cento.

ECOBONUS ORDINARIO

Si tratta dell’ecobonus ordinario, che prevede regole d’accesso sicuramente meno “stringenti” rispetto al superbonus 110. E’ una detrazione fiscale, che può variare a seconda degli interventi dal 50% al 65%.  E’ rivolta a tutti i soggetti IRPEF (persone fisiche residenti nel territorio italiano) e IRES (società).

L’obiettivo è quello di favorire la riqualificazione energetica degli edifici.

Permette di beneficiare di sconti fiscali per lavori tendenti a migliorare le prestazioni energetiche degli immobili già esistenti, quali: sostituzione caldaie, finestre e infissi.

Attualmente, le aliquote del bonus per chi effettua lavori in casa sono diverse e, variano dal 50% al 65%.  E’ prevista, però,  una maggiore agevolazione,  fino all’85% per i lavori condominiali.

SUPERBONUS 110 (proroga selettiva fino al 2023)

Nel pacchetto dei bonus casa 2022 entrerà anche il superbonus, ma non per tutti i contribuenti.

Vediamo i diversi casi, distinti per tipologia di edifici, con indicazione di chi potrà  beneficiare del superbonus 110 riqualificazione energetica e quali i  lavori trainanti.

  1. Villette e abitazioni unifamiliari                                                                                                                                                                                                                                                           proroga fino al 31/12/2022 per contribuenti con ISEE non superiore a 25.000 €uro annui. Nessun limite invece per le domande presentate entro il 31/12/2021, in questo caso i lavori dovranno essere ultimati entro il 2022.
  2. Condomini, IACP e Cooperative                                                                                                                                                                                                                                                           proroga fino al 31/12/2023. Dal 01/01/2024 continuerà la validità del bonus ma solo nella misura del 70% e, dal 2025 scenderà ulteriormente fino al 65%.

Confronta gli elenchi